\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 30/11/2009 @ 07:32:52, in Articoli, linkato 1304 volte)

Piazza dei Martiri, il salotto ingessato della città. La Feltrinelli è gremita come non mai. Non c’è spazio, fa caldo, ma a sciogliere l’anima è l’energia irradiata da una serata inusuale. Si presenta ‘La ferita’, antologia dedicata alla memoria delle vittime innocenti di camorra, curata dal regista teatrale Mario Gelardi. Amore mio ci hanno distrutto la vita. Giuseppe Miale di Mauro ha appena finito di leggere le parole scritte da Beatrice subito dopo la morte del marito, Raffaele Pastore, imprenditore assassinato per aver denunciato il racket. I due si abbracciano, e un’emozione sincera, mista a rabbia e indignazione, pervade la sala.

La ferita è un progetto nato a Ponticelli, sede di Ad est dell’equatore, giovane casa editrice. Nelle cronache Ponticelli non manca mai. Prima un agguato mortale in pieno giorno, poi il blitz dei carabinieri contro il clan locale dei Sarno, hanno riportato il quartiere orientale alla ribalta mediatica. Ma Ponticelli non è solo questo. In tanti ogni giorno combattono, spesso senza l’adeguato supporto delle istituzioni. E non è un caso che dalla provincia giunga la scossa alla stanca borghesia napoletana.

In una città chiusa in compartimenti stagni, e rosa da invidie e ipocrisie, una contaminazione genuina di generi e voci ha rapito la folla presente in libreria. Scrittori, musicisti, attori, magistrati e giornalisti, non hanno mai ceduto il passo alla retorica. La musica degli A67 ha avvolto la sala e Daniele Sanzone con grinta ha incalzato ‘Guagliò amma cagnà’. Ivan Castiglione ci ha riportato a Casal di Principe e al potente discorso che mutò radicalmente la vita di Saviano. Del contrasto alla camorra il magistrato Raffaele Cantone ha fatto una scelta di vita. Seguito come un’ombra e con palpabile affetto dagli uomini della sua scorta, ha ribadito il valore della memoria. E l’antologia ha impresso a fuoco questa missione.

Nei racconti è tornato il sorriso di Giancarlo Siani, sopravvissuto agli stupidi colpi della camorra, l’assurda morte di Antonio Landieri, colpevole di trovarsi nel posto giusto al momento sbagliato, la strage di sei africani responsabili unicamente del colore della propria pelle. Una serata che ci ha confermato di essere ostaggi nella nostra terra. Ma ha anche trasmesso la voglia di reagire e di non dimenticare chi ha regalato la vita per la propria e l’altrui dignità.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 28/11/2009 @ 10:56:52, in Articoli, linkato 1316 volte)

La dea bendata

Nella buona e nella cattiva sorte, nella ricchezza e nella povertà, finché morte non ci separi. Quante volte abbiamo sentito questa magica formula riecheggiare fra le navate di una Chiesa. E a queste frasi si rifà con assoluta fermezza una sessantenne romana, decisa a dividere la vincita milionaria al Superenalotto del marito. Nulla di strano, se non fosse che la coppia si era separata da oltre un anno e si avviava di comune accordo alla separazione.

D’un tratto però l’uomo, fiorentino, sessantasette anni, era divenuto sfuggente e aveva accelerato le pratiche legali, fino ad insospettire la consorte. Che, battagliera come non mai, si era affidata a un’agenzia investigativa, scoprendo una trasformazione sorprendente del marito. L’uomo aveva totalmente cambiato stile di vita. A dispetto dell’età scorazzava a bordo della sua fiammante Porsche e frequentava i ristoranti più in, in compagnia di una giovane fanciulla.

A dipanare il mistero amici comuni della coppia, ai quali l’uomo aveva confidato di aver vinto un milione e mezzo di euro e di volerseli godere fino all’ultimo. Da qui l’immediata pretesa della consorte di ricevere un assegno di mantenimento mensile di ottomila euro o una buonuscita pari a metà della vincita. Il prossimo 30 novembre spetterà al giudice valutare la legittimità della richiesta. Resta però un dubbio. A parti invertite la donna avrebbe desiderato dividere con l’ex marito così ardentemente?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 23/11/2009 @ 07:44:46, in Articoli, linkato 1409 volte)

Manuela Rodriguez Fortez con il piccolo Elvis

Non ce l'ha fatta Manuela Rodriguez Fortez. La quarantenne capoverdiana è morta dopo un mese di agonie al Cto di Napoli. La storia di quel maledetto 19 ottobre aveva fatto il giro d'Italia. Nel piccolo appartamento del quartiere Sanità lei e il figlio di sei anni erano rimasti intossicati dal monossido di carbonio proveniente da una stufa.

Faceva freddo quella sera e nell'appartamento era stata staccata la corrente a seguito del mancato pagamento di una bolletta. Quella stufa accesa per sconfiggere il freddo portava con sé un dono spaventoso. La morte aveva rubato il piccolo Elvis, mentre per la madre era rimasto un flebile filo di speranza. Quel filo, sabato è stato reciso senza appello.

Elvis era nato a Napoli, andava bene a scuola, giocava a pallone con i suoi amici e sognava di fare l'ingegnere. La sua morte scandalosa ha turbato in tanti e molto si è discusso su quanto potesse essere evitabile. Per la morte della madre invece, null'altro che pochi trafiletti. La pratica è archiviata. Non si può tornare sempre a discutere delle stesse cose. Anche se in concreto si è fatto ben poco e sciagure come queste torneranno a mortificare la nostra dignita, colpendo sempre gli stessi. I più deboli, gli emarginati.

Pieni di vergogna e con lo sguardo basso, a Manuela non si può che chiedere scusa. Per non aver saputo essere all'altezza del suo sogno. Quello di vivere nel nostro paese una vita dignitosa che altrove le era stata preclusa.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/11/2009 @ 07:58:38, in Articoli, linkato 1337 volte)

Dove è il bene e dove è il male

Chiesa e Camorra, i due volti della nostra società. La loro contrapposizione è una riproduzione del perenne conflitto tra il bene e il male. Talvolta però, come accade in tutte le battaglie, i nemici sono così vicini tra loro che è difficile distinguerli.

La conferma l’ho avuta leggendo il giornale lo scorso giovedì che dava giusto risalto al rifiuto del Cardinale Sepe di officiare le esequie per un noto boss. I camorristi sono la negazione del cristianesimo e non meritano funerali. Più in basso però spiccano le dichiarazioni dell’imprenditore Michele Orsi, arrestato e poi assassinato dai Casalesi. L’allora amministratore dell’Eco4, consorzio per lo smaltimento dei rifiuti, sostenne che il sottosegretario del Pdl Cosentino gli chiese di assumere due nipoti del Cardinale.

Qualche pagina più avanti si dà notizia dei sigilli apposti a due locali notturni a luci rosse. I gestori sono accusati di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. Ma c’è ancora spazio per un prete costretto a interrompere, suo malgrado, la Cristoterapia. Il sacerdote è stato sorpreso a palpeggiare le giovani che si recavano da lui in cerca di conforto spirituale. Lo scoop è stato realizzato da una televisione di proprietà del Premier, più volte bacchettato dal quotidiano di ispirazione cattolica L’Avvenire.

Lo confesso, talvolta anche a me capita di perdere la bussola e chiedermi, disorientato, dov’è il bene e dov’è il male?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 10/11/2009 @ 07:24:14, in Articoli, linkato 1313 volte)

La stazione di Mergellina

La stazione ferroviaria di Mergellina, l’ennesima costosa contraddizione napoletana. Lo splendido palazzo inaugurato nel 1927 è stato restaurato lo scorso anno. Ma allo splendore architettonico non è seguita una rivalutazione della stazione, che oggi funge quasi esclusivamente da fermata della linea due della metropolitana. Eurostar e intercity diretti a Roma o in Calabria da tempo non sostano più a Mergellina.

Ad avviare il dibattito è stata la giornalista e senatrice Pdl Diana De Feo, e in tanti si sono accodati al suo appello. Lo storico Galasso, il filosofo De Giovanni, il soprintendente Gizzi, sono solo alcune delle voci che, con diverse sfumature, hanno posto l’accento sulla necessità del ripristino della stazione di Mergellina. Ma il ridimensionamento dello scalo ferroviario non è, come è accaduto in passato, motivato dalla mera volontà di contenere i costi.

Come ha spiegato l’assessore regionale ai trasporti Cascetta, il passaggio dei convogli a lunga percorrenza disturbava pesantemente la circolazione dei treni metropolitani, utilizzati ogni giorno da quasi centomila cittadini. Motivazione consistente per chi ha una visione democratica del servizio pubblico.

Non vorrei che dietro certi ragionamenti si celasse la stizza di una piccola fetta della classe media per aver perso una comodità. Un atteggiamento non così distante da chi in autobus pretende di scendere al di fuori delle fermate previste.

Qualcuno si è spinto a dire che Mergellina rappresenta per chi arriva a Napoli tutt’altro biglietto da visita rispetto alla casbah di Piazza Garibaldi. Uno stile di pensiero vetero borghese francamente inaccettabile. Da un intellettuale ci si attende altro che nascondere la cenere sotto il tappeto. Se una zona della città soffre la si deve aiutare a venir fuori dalle difficoltà, non certo ghettizzare. Piazza Garibaldi è specchio di una faticosa quanto indispensabile contaminazione multirazziale. Un angolo di città certo più vivo, reale ed europeo del pur imponente monumento di Mergellina.

E allora io sono con Diego Lama. Napoli non può e non deve essere cristallizzata. Occorre inseguire, e se possibile anticipare il futuro, non rimanere ostaggi del passato. E futuro vuol dire anche una metropolitana snella e funzionale, e una stazione di Mergellina ridisegnata e animata come attrazione turistica culturale.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 07/11/2009 @ 10:47:39, in Articoli, linkato 1267 volte)

Semo sempre di più i separati, semo la gioia degli avvocati, cantava un profetico Luciano Rossi nel 1982. Già, perché oggi un matrimonio che occupa una vita intera è uno spauracchio da evitare a tutti i costi. In passato le giovani coppie visitavano mano nella mano il Salone della casa. Lì preparavano il loro nido d’amore e assaporavano il sogno della propria vita. Ma oggi i tempi sono radicalmente cambiati. In tanti sono convinti che un bel divorzio sia il giusto toccasana. Magari in età non troppo avanzata, così da potersi togliersi ancora qualche soddisfazione.

Sembra confermarlo il primo Salone della separazione e della vedovanza che si terrà il 7 e l’8 novembre a Parigi. “Nuovo inizio”, questo lo slogan scelto dagli organizzatori che hanno diviso i 1.800 metri quadri dell’esposizione in cinque aree tematiche. Questioni giuridiche, psicologia, immagine di sé, immobiliare e turismo. Insomma tutto il necessario per superare il duro trauma e ripartire con lo slancio giusto. A dirla tutta non sono stati i francesi i primi ad investire nel settore. In America è in gran voga il Divorce Party, una festa organizzata da agenzie specializzate per brindare alla fine della vita coniugale.

Il matrimonio viene vissuto come l’ennesimo prodotto da consumare. La separazione diviene un business straordinario che non a caso dilaga soprattutto nei ceti medio alti. Perché in fondo anche il divorzio è uno status symbol.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 03/11/2009 @ 07:31:10, in Articoli, linkato 1359 volte)

Ha fatto il giro del mondo il video che mostra un killer della camorra uccidere a sangue freddo. Era l’11 maggio. Mariano Bacioterracino, 53 anni, rapinatore, è all’esterno di un bar nel quartiere Sanità. Fuma, osserva la gente che passa. È tranquillo. Sono gli ultimi istanti della sua vita. Un uomo entra nel bar e lo sorprende alle spalle. Gli spara e poi si allontana.

Per le forze investigative inizia l’ennesima difficile indagine. Per mesi non si compiono passi avanti. Poi la decisione della procura di rendere noto il video nella speranza che qualcuno riconosca il volto del killer. Inevitabili sono piovuti i giudizi, sempre uguali, sempre vuoti, sul significato antropologico del video. A partire dall’indifferenza della gente abituata a convivere serenamente con esecuzioni e morti ammazzati. Sorvoliamo su analisi sterili e concentriamoci su alcuni importanti dettagli relativi alla decisione di pubblicare il video.

Primo. La scelta è corretta, come dimostra il presunto accertamento dell’identità del killer. Meglio ancora sarebbe stato indire una conferenza stampa per ampliare la platea cui rivolgere l’invito alla collaborazione.

Secondo. Andava mostrato solo il momento dell’esecuzione e il volto del sicario. Non quelli di personaggi la cui partecipazione al delitto è incerta. Un grave errore che ha coinvolto Gennaro Aiello, accusato di essere il palo. L’uomo dichiara la sua estraneità ai fatti. La sua vita è però in pericolo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 82 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Articoli (165)
Cronaca (3)
lettereMinuscole (6)
Libri (1)
Lotta armata (1)
Riflessioni (9)
Vorrei che il futuro fosse oggi (15)

Catalogati per mese:
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Non avete ancora cap...
11/05/2012 @ 05:20:16
Di Discount Uniforms
Ben quindici incontr...
11/05/2012 @ 05:11:19
Di cheapest Jersey
Particolare enfasi ¨...
05/05/2012 @ 08:25:28
Di scarpe hogan




18/09/2019 @ 09:44:55
script eseguito in 98 ms



Il termometro del futuro
La prova del nove