\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 26/10/2009 @ 08:00:41, in Articoli, linkato 1087 volte)

Lazio e Campania. Le due Regioni il cui elettorato è in grado di determinare l’esito delle votazioni. Grazie a queste due regioni, il centrosinistra guidato da Romano Prodi riuscì ad assicurarsi la risicata vittoria nella tornata del 2006. Aree cruciali in cui la sinistra, per essere rappresentata al meglio, ha individuato in Piero Marrazzo e Antonio Bassolino i candidati più forti per sfidare la coalizione avversaria.

Il Governatore del Lazio si è appena autosospeso dall’incarico, travolto da scandali che trascendono di gran lunga la sua sfera privata, avendo egli subito passivamente dei ricatti che ne hanno senza dubbio compromesso l’autonomia decisionale. Il Governatore della Campania, appena inquisito per le vicende connesse alla bonifica del litorale flegreo, sta vivendo la parabola discendente della sua lunga stagione, che da sedici anni lo vede ai vertici della politica campana e nazionale.

Troppo facile dire che, se queste sono le premesse, la sinistra è condannata a restare a lungo all’opposizione. Ruolo per altro essenziale in una democrazia e che va assolto in modo autorevole e non isterico. La stessa parola rinnovamento, formula magica adottata da tutti e tre i candidati alla segreteria Pd, appare svuotata di ogni significato. La sinistra è in un pantano perenne e non sembra possedere le capacità morali e politiche per poterne uscire.

Unica magrissima consolazione, Mastella è ora un problema altrui.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 24/10/2009 @ 11:54:09, in Articoli, linkato 1192 volte)

In Italia c’è una spiacevole abitudine. Chi sa fare bene il suo mestiere, quale che sia, finisce per rivestire un importante ruolo sociale ed essere tirato per la giacchetta in ambiti lontani dalle proprie competenze. Che tu raggiunga la fama come otorinolaringoiatra o pornostar, il risultato non cambia. Politica e mondo dello spettacolo ti risucchiano all'istante in un tritatutto mediatico.

È il caso ad esempio di Margherita Granbassi e Valentina Vezzali due eccellenti schermitrici che di recente hanno trionfato ai campionati mondiali di fioretto a squadre. Se la prima ha da tempo rivestito i panni di giornalista al fianco di Santoro ad AnnoZero, la seconda si è resa protagonista di una allusiva battuta rivolta a Berlusconi.

Era il settembre 2008 e negli studi di Porta a Porta, trasmissione specchio del nostro paese, la Vezzali confessò al Presidente del Consiglio che si sarebbe volentieri fatta toccare da lui. Un gioco di parole legato a un’espressione, quella della toccata, che nel gergo tecnico della scherma descrive ciò che il gol è nel calcio. Da lì la risentita reazione di Rosy Bindi che mal digerisce qualsiasi strumentalizzazione del ruolo femminile.

Al Chiambretti Night l’ultima, si spera, replica della Vezzali. Rivolgendosi alla Bindi ha detto che prima di parlare bisogna conoscere le persone, sapere quello che c'è dietro. Pensiero speculare a quello di molti importanti uomini politici italiani.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 22/10/2009 @ 11:38:16, in Articoli, linkato 1135 volte)

Tremonti Marcegaglia

Chissà se Giulio Tremonti pensava alla Canalis quando a sorpresa ha elogiato il posto fisso definendolo la base su cui costruire saldamente una famiglia. Cosa c’entra il super ministro dell’Economia con l’affascinante velina? La risposta riempie i rotocalchi da diverse settimane.

George Clooney ed Elisabetta Canalis sono la coppia del momento. Per loro i paparazzi stravedono e il popolo arde di fronte al quesito dirompente. È vero amore oppure ci si trova di fronte a una studiatissima messa in scena? Hollywood sa essere assai cattiva con i suoi pupilli quando questi abbandonano la strada maestra. E forse non tollererebbe scoprire che l’uomo che popola i sogni della metà dell’universo femminile, sia in realtà gay.

Da qui l’ipotesi che la coppia sia stata creata artificialmente per mettere a tacere voci perfide e invidiose. A insinuare il dubbio, a dire il vero, sono stati due amici di Clooney, Brad Pitt e Matt Damon i quali, senza peli sulla lingua, hanno invitato George a gettare la maschera e rivelare la sua omosessualità.

I sospetti hanno generato una ridda di congetture e interpretazioni. Sorprende l’assenza di effusioni nella coppia. Nemmeno un caldo bacio in pubblico che possa suggellare la love story. I giornalisti implacabili, assediano Clooney chiedendo ossessive conferme della sua sessualità. Potrebbero essere assai più eleganti e rivolgersi alla bella Elisabetta. Posto fisso o lavoro precario?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 19/10/2009 @ 08:08:08, in Articoli, linkato 1156 volte)

stravaganze turchesi

Sarà capitato anche a voi. Incrociare tra i vicoli della Pignasecca o nel mercatino di Antignano uomini dalle pance prominenti esposte a bella posta dei passanti, e canottiere sollevate, la cui funzione risulta inspiegabile. E credere di trovarsi di fronte a figure popolari. Invece no. Quelli che per anni avete creduto essere fruttivendoli, pescivendoli o ambulanti, erano con buona probabilità uomini illustri. Magari magistrati che, fuori dalle aule giudiziarie, esprimevano tutte le loro stravaganze fino ad allora represse.

Le recenti rivelazioni di Canale 5 sul giudice del caso Cir Raimondo Mesiano hanno dell’esplosivo. Ora vedo il mondo da una visuale nuova. E immediata è partita la verifica della maglieria intima. Scava e riscava, dal disordine è spuntato quel paio di calzini turchesi che in cuor mio sapevo di possedere. Sia chiaro. Non temo certo di subire sberleffi da qualche investigatore da strapazzo, ma nemmeno voglio mettermi in mostra. Esibire un calzino turchese, dandomi arie da giudice sul fronte.

Chi s’indigna dell’attuale uso del mezzo televisivo o è ingenuo o in malafede. Al più, spicca la caduta di qualsiasi remora nel dichiarare la propria appartenenza politica. Si parte all’attacco senza nemmeno camuffarsi strumentalizzando tutto e tutti. La tv è e sarà sempre un potente mezzo per incanalare le menti della gente dove il potere impone. Per contrastarla non resta che una soluzione. Non vederla.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 13/10/2009 @ 08:05:42, in Articoli, linkato 1081 volte)

Passato e futuro del Pd secondo Vauro

Le primarie del Pd sono alle porte e tra i contendenti la tensione è alta. Marino, l’outsider, ha puntato il dito contro i miracoli avvenuti in alcuni circoli dove i votanti hanno superato gli iscritti. Dal canto loro i sostenitori di Bersani, forti del successo parziale, avevano chiesto a Franceschini di lasciare la segreteria in anticipo. Dei tre, Marino punta a un rinnovamento radicale, mentre Bersani propone alleanze ampie. A mezza via Franceschini che prende le distanze da chi, a suo giudizio, deve farsi da parte. In primis il Governatore della Campania Bassolino.

Ma il dato che emerge con vigore è un altro. Le primarie non infiammano gli elettori della sinistra, poco ottimisti sulla concreta svolta del partito. Il problema va oltre il carisma dei candidati e affonda le sue radici nel passato. Di chi è erede il Pd? Del Pci, del Pds, dei Ds, dell’Ulivo, della Margherita o di cosa?

Al di là delle sigle, per chi scrive la risposta è una. Di quel Partito Comunista che, guidato da Berlinguer, a partire dal 1973 aprì alla Democrazia Cristiana, inaugurando la stagione del compromesso storico. Con una sostanziale differenza. Se Pci e Dc nel 1976 sfioravano il 75% dei consensi, a che risultato può ambire oggi il Pd, cui Casini da un lato, Di Pietro dall’altro, sottraggono spazi di manovra? Il 20, 25 o 30% non cambierebbe granché. Il Pd attuale non è nelle condizioni di prendere in mano il paese.

Viene allora da pensare che il Partito Democratico sia figlio della sconfitta di un disegno politico voluto e interpretato dal Pci. Incentrato sull’ingresso nel governo e sull’evoluzione progressista. In definitiva su analisi politiche errate e valutazioni economiche illusorie. Quello che trent’anni fa era difficile prevedere, oggi è però sotto gli occhi di tutti. Al governo il Pci non ci è mai andato, né ha compreso i danni di una ristrutturazione tecnologica che ha massimizzato i profitti industriali senza garantire prospettive di vita meno alienanti.

Su queste premesse, alla sinistra non rimane che azzerare tutto. Gettare a mare il paravento dell’antiberlusconismo e ripartire da un’autocritica serrata. E da uno sguardo nuovo capace di ripensare le soluzioni ai problemi che attanagliano l’Italia. Ad iniziare dal precariato generato dall’attuale sistema-lavoro, e dalle emergenze ambientali che sfigurano il paese seminando lutti.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 12/10/2009 @ 08:27:17, in Articoli, linkato 1466 volte)

Una vignetta di DM

A voler essere buonisti potremmo definire quella appena conclusa, la settimana nera della scuola napoletana. Prima un crollo verificatosi a Bagnoli che ha ferito una studentessa. Poi a Villanova l’ipotizzata presenza di escrementi di topo all’interno del plesso. Una paura forse ingigantita dalle evidenti carenze nelle pulizie.

 Problemi anche al rione Sanità dove le mamme chiedono una maggiore vigilanza affinché le adiacenze della scuola non si trasformino in area bivacchi e pattumiere. In aggiunta a tutto ciò, i ritardi nella refezione nelle scuole materne e primarie e il timore che il diritto alla mensa possa essere soppresso.

In pochi giorni tanti esempi di come oggi la scuola arranchi alle prese con problemi atavici, aggravati dalla stretta economica e dai tagli che colpiscono l’istruzione. Dal ministero la Gelmini fa sapere che è uno spreco appaltare le pulizie a ditte esterne e che se ne debbono occupare in prima persona i bidelli. Non entro nel merito, ma credo che tali decisioni debbano essere concertate con il personale ATA, stabilendo con precisione i confini del loro lavoro.

Diversamente certi annunci rischiano di essere buttati lì, al solo scopo di distogliere l’attenzione dal ruolo che oggi si riconosce alla scuola pubblica. Non il trampolino di lancio per le generazioni future che dovranno preoccuparsi di risollevare le sorti del paese, ma un fastidioso orpello che succhia risorse. E il futuro si allontana.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 05/10/2009 @ 18:13:56, in Articoli, linkato 1218 volte)

win for life

Tabaccherie prese d’assalto, siti internet in tilt, studiosi pronti ad analizzare il fenomeno. È win for life, la psicosi del momento che infiamma gli italiani. Il tipo di vincita, l’asso nella manica di win for life. Una rendita di 4.000 euro al mese per vent’anni che, corna facendo, si tramanda agli eredi. Il sogno di tutti. In tempi di crisi, economica e non solo, una rendita mette al riparo.

Complimenti dunque agli ideatori del gioco, così abili nell’incunearsi nelle fragilità umane, da proporre addirittura tredici estrazioni giornaliere, una ogni ora dalle otto alle venti. Perché il gioco è una droga. Una parte dei proventi è destinata alla ricostruzione dell’Abruzzo e anche la coscienza è appagata.

Per non parlare delle possibilità di vincere, 170 volte superiori a quelle di centrare il mitico 6 al Superenalotto. Un 6 che da un lato attira, dall’altro preoccupa. Perché è un ciclone che sconvolge la vita, con frotte di parenti e amici, mai visti prima, che si fiondano davanti alla tua porta implorando un piccolo aiuto. E la malavita organizzata che, con garbo, fa notare che un terzo della vincita spetta di diritto a loro.

No, win for life non regala ansie. Solo certezze. Ai futuri vincitori un solo consiglio. Prima di congedarsi per sempre dal capufficio e dalle sue angherie accertatevi di essere l’unico fortunato. Perché il premio si distribuisce tra tutti i vincitori e potreste ritrovarvi con una rendita molto inferiore alle attese.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 245 persone collegate

< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Articoli (165)
Cronaca (3)
lettereMinuscole (6)
Libri (1)
Lotta armata (1)
Riflessioni (9)
Vorrei che il futuro fosse oggi (15)

Catalogati per mese:
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Non avete ancora cap...
11/05/2012 @ 05:20:16
Di Discount Uniforms
Ben quindici incontr...
11/05/2012 @ 05:11:19
Di cheapest Jersey
Particolare enfasi ¨...
05/05/2012 @ 08:25:28
Di scarpe hogan




16/02/2019 @ 22:56:09
script eseguito in 82 ms



Il termometro del futuro
La prova del nove