\\ : Articolo : Stampa
Lavezzi: i veri schiavi di lavoro muoiono
Di Admin (del 03/06/2009 @ 08:52:38, in Articoli, linkato 4520 volte)

Schiavi

Nemmeno il tempo di mettere il campionato in cantina ed è subito calcio mercato. Il nome del momento è quello di Ezequiel Lavezzi, attaccante argentino in forza al Napoli. Il suo procuratore ha parlato chiaro. I giocatori sono persone, non schiavi. O il club raddoppia tout court l’ingaggio del suo assistito, oppure Lavezzi cambierà aria, accettando le sterline sventagliate da un club inglese.

Schiavi. Un’affermazione oltraggiosa verso i lavoratori. Quelli che sfiorano la morte per portare a casa il necessario a sopravvivere. Saras e ThyssenKrupp sono solo gli iceberg di una situazione infernale. I veri schiavi, di lavoro muoiono.

Sarà forse il caso di fare qualche conto. A un impiegato non bastano due vite per guadagnare quello che attualmente Lavezzi, e tanti altri come lui, intascano in un solo anno. E il giocatore pretende il raddoppio dell’ingaggio. Ossia ricevere in tre mesi ciò che un operaio riceve in quarant’anni di sudore.

Il procuratore svolge il ruolo che il copione gli assegna. Ma non passi il messaggio che questo andazzo è immodificabile. I giocatori guadagnano cifre irragionevoli grazie ai danari che riescono a muovere. Pay tv, quotidiani e sponsor di ogni genere fatturano cifre stratosferiche grazie a loro.

Al di là di ogni moralismo, è possibile parlare e spendere meno di pallone, magari spegnendo le tv e andando qualche volta allo stadio. Dove potrà persino capitare di abbracciare uno sconosciuto per condividere la gioia di un gol.